» 
allemand anglais arabe bulgare chinois coréen croate danois espagnol estonien finnois français grec hébreu hindi hongrois islandais indonésien italien japonais letton lituanien malgache néerlandais norvégien persan polonais portugais roumain russe serbe slovaque slovène suédois tchèque thai turc vietnamien
allemand anglais arabe bulgare chinois coréen croate danois espagnol estonien finnois français grec hébreu hindi hongrois islandais indonésien italien japonais letton lituanien malgache néerlandais norvégien persan polonais portugais roumain russe serbe slovaque slovène suédois tchèque thai turc vietnamien

définition - Mezzogiorno

voir la définition de Wikipedia

   Publicité ▼

synonymes - Mezzogiorno

mezzogiorno

sud

mezzogiorno (n.)

meridione, sud

mezzogiorno (n.m.)

di mezzogiorno

locutions

   Publicité ▼

dictionnaire analogique




Wikipedia

Partecipa all'assemblea di Wikimedia Italia il 20 marzo a Pistoia

Mezzogiorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Mezzogiorno (disambigua).
<imagemap>Immagine:Segui progetto.png
Stati: Italia
Regioni amministrative:[[File:{{Naz/{{{regione}}}|a}}|Bandiera {{Naz/{{{regione}}}|b}}{{Naz/{{{regione}}}|c}}|border|20px]] [[{{Naz/{{{regione}}}|e}}|{{Naz/{{{regione}}}|c}}]]
Territorio:La parte meridionale della penisola italiana e le isole.
Capoluogo:{{{capoluogo}}}
Superficie:123.059 km²
Abitanti:20.855.676  (31-01-09)
Densità:169,47 ab./km²
Status:{{{status}}}
Lingue:{{{lingue}}}

[ Sito Internet principale]

Il termine Mezzogiorno d'Italia definisce comunemente da un punto di vista geografico ma soprattutto economico e sociale il territorio che comprende la parte meridionale della Penisola italiana, cioè il territorio dell'ex Regno delle Due Sicilie (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia)[1]. Per la classificazione economica dell'Istat il territorio della Sardegna è da inserire tra quelli che compongono il Mezzogiorno d'Italia[2], mentre per la classificazione demografica, sempre dell'istituto di statistica, fa parte dell'Italia insulare[3]. Geograficamente, invece, viene inserita nell'Italia centrale. In realtà, il termine originario indicava quelle aree della penisola italiana che, dopo la seconda guerra mondiale, hanno usufruito di speciali fondi per lo sviluppo economico: tra questi, ad esempio, erano presenti anche aree sottosviluppate del centro e nord Italia. Il termine ha successivamente assunto il significato di sud Italia.

Lo sviluppo di questa macroregione italiana è oggetto di studi da parte di Istituzioni specializzate come la Svimez[4] con sede a Roma e l'Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno[5] con sede a Napoli.

Indice

Territorio

Secondo la classificazione statistica ufficiale NUTS (adottata dell'EUROSTAT e dell'ISTAT), l'Italia meridionale comprende le regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria.Secondo la medesima classificazione la Sicilia e la Sardegna appartengono all'Italia insulare.

Nell'uso comune il Mezzogiorno comprende i territori che appartenevano al Regno delle Due Sicilie e la Sardegna che, a livello culturale-linguistico ha una storia particolare e unica, ma per le sue caratteristiche economiche è assimilabile alle altre regioni meridionali.

Durante il periodo fascista, parte dell'attuale Lazio (il circondario di Sora e quello di Gaeta) fu scorporata dalla ex provincia di Terra di Lavoro del Regno delle Due Sicilie e quindi dal Mezzogiorno. Lo stesso accadde a territori abruzzesi come l'area di Amatrice, Cittaducale e Leonessa, assegnata al Lazio da Mussolini.

Geografia

Per approfondire, vedi le voci Italia meridionale e Italia insulare.
Mezzogiorno d'Italia dal satellite

Il Mezzogiorno confina a nord-ovest con il Lazio, nord-est con le Marche e a sud con il mar Mediterraneo. Il suo territorio è prevalentemente collinare-montuoso, le pianure più estese sono: il Tavoliere delle Puglie (seconda pianura più estesa della penisola italiana), la pianura del Sele, la Pianura salentina, la Piana di Metaponto, la Piana di Sibari e la Piana di Sant'Eufemia.

È attraversato da nord a sud dalla catena montuosa degli Appennini, le vette più elevate sono il Gran Sasso d'Italia 2.912 m, Monte Amaro 2.793 m , Monte Miletto 2.050 m (Massiccio del Matese), il Monte Terminio 1.783 m ed il Monte Cervialto 1.809 m (Appennino campano), il monte Pollino 2.248 m, serra Dolcedorme 2.267 m, monte Papa 2.005 m, monte Alpi 2.000 m (Appennino lucano), monte Botte Donato 1.930 m (Appenino calabro), Aspromonte e Peloritani (App. Calabro inferiore); un massiccio oltre 1.900 m e l'altro oltre 1.200 m, il monte Cervati 1899 m e il monte Gelbison (o Sacro Monte di Novi Velia) i quali si trovano ambedue nel parco Nazionale del Cilento.

I mari che bagnano le regioni Meridionali sono Adriatico, Jonio, Tirreno.

Le città che hanno ottenuto il riconoscimento di città metropolitana, sono: Napoli, Palermo, Bari, Cagliari, Catania, Messina e Reggio Calabria.

Il clima è tipicamente mediterraneo sulle coste e continentale all'interno.

Storia

Province delle Due Sicilie nel 1454

In seguito all'Unità d'Italia, le problematiche legate all'arretratezza socio-economica dell'ex Regno delle Due Sicilie, fortemente aggravata dal processo unitario per l'espoliazione delle ricchezze del regno da parte dei Savoia a favore della parte settentrionale del paese, diedero origine, a partire dal 1870, alla famosa questione meridionale e ad una corrente di pensiero e ricerca storica detta meridionalismo. Prima dell'Unità d'Italia infatti, mentre il bilancio del Regno delle Due Sicilie era in attivo pur avendo una "spesa sociale" non indifferente, lo Stato dei Savoia invece aveva un ingente debito pubblico che poi divenne la base del debito pubblico italiano[6].

Dopo il 1880, a seguito della crisi agraria che interessò il Mezzogiorno, si inasprì la povertà delle regioni meridionali, favorendo una massiccia emigrazione verso le Americhe. La crisi agraria fu determinata dal crollo delle esportazioni dei prodotti agrari a causa della politica nazionale a favore delle industrie. I primi governi nazionali favorirono le imprese del nord con una politica di dazi sui manufatti industriali stranieri: senza dazi alle frontiere, infatti, i manufatti nazionali erano molto più costosi di quelli stranieri La politica di governo - che già aveva trasferito fisicamente fabbriche dal sud al nord (un esempio celebre sono i cantieri navali campani, ricostruiti in Liguria) - causò però la reazione dei paesi stranieri che introdussero dazi sui prodotti italiani, causando la rovina del settore agricolo meridionale e veneto. Le esportazioni di prodotti agrari crollarono. Le campagne furono letteralmente abbandonate e iniziò la piaga dell'emigrazione[7][8][9][10][11].

Nel corso del Novecento le direttrici migratorie si spostarono verso l'Europa centrale e settentrionale (Francia, Germania, Svizzera e Belgio) e, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, verso l'Italia settentrionale (segnatamente Piemonte e Lombardia) quando la ricostruzione richiamò manodopera per il lavoro nelle fabbriche.

Tutti i governi che si sono succeduti nel corso del XX secolo si sono adoperati, spesso con scarsi risultati, con interventi speciali sulle aree interessate, al fine di diminuire lo squilibrio che a molti livelli lasciava il Mezzogiorno lontano dalle restanti regioni italiane, a partire dalla legge speciale per Napoli, voluta fortemente da Francesco Saverio Nitti.

Dopo l'avvento dello Stato, dunque, venne istituito negli anni cinquanta un apposito ente pubblico che aveva funzioni di realizzare politiche incentivanti la produzione e sussidiarie delle economie locali: la Cassa per il Mezzogiorno (CASMEZ). L'attività di tale ente, che soprattutto nei suoi primi venti anni di vita aveva contribuito a ridurre il divario tra il Mezzogiorno ed il resto del Paese, è cessata negli anni novanta ed è stata più volte oggetto di sospetti per una presunta gestione clientelare da parte della politica a partire dagli anni settanta.


Popolazione

La popolazione totale del Mezzogiorno (secondo gli ultimi rilevamenti Istat del 31 maggio 2009) ammonta a 20.859.019 abitanti[12] suddivisa come segue:

Regioni

RegionePopolazioneCapoluogo
 Abruzzo1.338.103 L'Aquila
 Basilicata589.632 Potenza
 Calabria2.007.997 Catanzaro
Campania5.815.251 Napoli
Molise320.360 Campobasso
Puglia4.079.638 Bari
Sardegna1.670.539 Cagliari
Sicilia5.037.499 Palermo

Demografia

Di seguito si riporta l'elenco della popolazione residente nei 10 comuni con il maggior numero di abitanti del Mezzogiorno (inteso in termini statistici), aggiornati al 31 maggio 2009.

CittàPopolazioneRegione
Napoli962.132 Campania
Palermo656.831 Sicilia
Bari320.160 Puglia
Catania296.611 Sicilia
Messina243.252 Sicilia
Taranto193.881 Puglia
Reggio Calabria185.791 Calabria
Cagliari157.141 Sardegna
Foggia152.952 Puglia
Salerno139.759 Campania

Disponibili dati anche delle dieci province più abitate del Mezzogiorno.

ProvinciaPopolazioneRegione
Provincia di Napoli3.078.604 Campania
Provincia di Bari1.251.107 Puglia
Provincia di Palermo1.245.309 Sicilia
Provincia di Salerno1.106.681 Campania
Provincia di Catania1.087.243 Sicilia
Provincia di Caserta907.943 Campania
Provincia di Lecce812.771 Puglia
Provincia di Cosenza733.907 Calabria
Provincia di Foggia682.563 Puglia
Provincia di Messina653.986 Sicilia

Note

  1. ^ La programmazione dei fondi strutturali comunitari
  2. ^ Classificazione economica ISTAT. URL consultato il 23-10-2009.
  3. ^ Classificazione demografica ISTAT. URL consultato il 23-10-2009.
  4. ^ Sito Svimez
  5. ^ Sito SRM
  6. ^ Denis Mack Smith, Storia d'Italia dal 1861 al 1997, Bari, Laterza, 1998. ISBN 8842053457
  7. ^ Gigi Di Fiore, Controstoria dell'Unità d'Italia. Fatti e misfatti del Risorgimento, Milano, Ed. Rizzoli, 2007. ISBN 9788817018463
  8. ^ Carlo Scarfoglio, Il Mezzogiorno e l'Unità d'Italia, Firenze, Parenti, 1953. ISBN 54005018
  9. ^ Giuseppe Ressa, Il Sud e l'Unità d'Italia. URL consultato il 23-10-2009.
  10. ^ Carlo Alianello, La conquista del Sud, Milano, Rusconi Editore, 1072. ISBN 8818700332
  11. ^ Nicola Zitara, L'unità truffaldina. URL consultato il 23-10-2009.
  12. ^ Bilancio demografico mensile ISTAT. URL consultato il 11-11-2009.

Voci correlate

Altri progetti

  • Wikisource contiene alcuni canti dell' Italia meridionale


  • Portale Due Sicilie
  • Portale Abruzzo
  • Portale Napoli
  • Portale Puglia
  • Portale Basilicata
  • Portale Calabria

 

Toutes les traductions de Mezzogiorno


Contenu de sensagent

  • définitions
  • synonymes
  • antonymes
  • encyclopédie

  • definizione
  • sinonimo

Dictionnaire et traducteur pour mobile

⇨ Nouveau : sensagent est maintenant disponible sur votre mobile

   Publicité ▼

sensagent's office

Raccourcis et gadgets. Gratuit.

* Raccourci Windows : sensagent.

* Widget Vista : sensagent.

dictionnaire et traducteur pour sites web

Alexandria

Une fenêtre (pop-into) d'information (contenu principal de Sensagent) est invoquée un double-clic sur n'importe quel mot de votre page web. LA fenêtre fournit des explications et des traductions contextuelles, c'est-à-dire sans obliger votre visiteur à quitter votre page web !

Essayer ici, télécharger le code;

SensagentBox

Avec la boîte de recherches Sensagent, les visiteurs de votre site peuvent également accéder à une information de référence pertinente parmi plus de 5 millions de pages web indexées sur Sensagent.com. Vous pouvez Choisir la taille qui convient le mieux à votre site et adapter la charte graphique.

Solution commerce électronique

Augmenter le contenu de votre site

Ajouter de nouveaux contenus Add à votre site depuis Sensagent par XML.

Parcourir les produits et les annonces

Obtenir des informations en XML pour filtrer le meilleur contenu.

Indexer des images et définir des méta-données

Fixer la signification de chaque méta-donnée (multilingue).


Renseignements suite à un email de description de votre projet.

Jeux de lettres

Les jeux de lettre français sont :
○   Anagrammes
○   jokers, mots-croisés
○   Lettris
○   Boggle.

Lettris

Lettris est un jeu de lettres gravitationnelles proche de Tetris. Chaque lettre qui apparaît descend ; il faut placer les lettres de telle manière que des mots se forment (gauche, droit, haut et bas) et que de la place soit libérée.

boggle

Il s'agit en 3 minutes de trouver le plus grand nombre de mots possibles de trois lettres et plus dans une grille de 16 lettres. Il est aussi possible de jouer avec la grille de 25 cases. Les lettres doivent être adjacentes et les mots les plus longs sont les meilleurs. Participer au concours et enregistrer votre nom dans la liste de meilleurs joueurs ! Jouer

Dictionnaire de la langue française
Principales Références

La plupart des définitions du français sont proposées par SenseGates et comportent un approfondissement avec Littré et plusieurs auteurs techniques spécialisés.
Le dictionnaire des synonymes est surtout dérivé du dictionnaire intégral (TID).
L'encyclopédie française bénéficie de la licence Wikipedia (GNU).

Copyright

Les jeux de lettres anagramme, mot-croisé, joker, Lettris et Boggle sont proposés par Memodata.
Le service web Alexandria est motorisé par Memodata pour faciliter les recherches sur Ebay.
La SensagentBox est offerte par sensAgent.

Traduction

Changer la langue cible pour obtenir des traductions.
Astuce: parcourir les champs sémantiques du dictionnaire analogique en plusieurs langues pour mieux apprendre avec sensagent.

Dernières recherches dans le dictionnaire :

5003 visiteurs en ligne

calculé en 0,141s

   Publicité ▼

Je voudrais signaler :
section :
une faute d'orthographe ou de grammaire
un contenu abusif (raciste, pornographique, diffamatoire)
une violation de copyright
une erreur
un manque
autre
merci de préciser :

Mon compte

connexion

inscription

   Publicité ▼