» 
allemand anglais arabe bulgare chinois coréen croate danois espagnol estonien finnois français grec hébreu hindi hongrois islandais indonésien italien japonais letton lituanien malgache néerlandais norvégien persan polonais portugais roumain russe serbe slovaque slovène suédois tchèque thai turc vietnamien
allemand anglais arabe bulgare chinois coréen croate danois espagnol estonien finnois français grec hébreu hindi hongrois islandais indonésien italien japonais letton lituanien malgache néerlandais norvégien persan polonais portugais roumain russe serbe slovaque slovène suédois tchèque thai turc vietnamien

définition - tira e molla

voir la définition de Wikipedia

   Publicité ▼

Wikipedia

Tira e Molla

                   
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fumetto, vedi Tiramolla.
Tira & Molla
Logo del programma Tira & Molla
Anno 1996-1998
Genere Intrattenimento
Durata 60 min
Ideatore Corima
Presentatore Paolo Bonolis 1ª e 2ª edizione

Giampiero Ingrassia Edizione estiva 1998 e 3ª edizione

Regia Stefano Vicario (solo 1^a edizione), Lorenzo Lorenzini
Rete Canale 5

Tira e Molla è stato un programma televisivo a premi condotto nella fascia preserale da Paolo Bonolis su Canale 5. Corrado fu tra gli autori del programma.

Indice

  Storia del programma

Dopo l'eliminazione da Canale 5 de La ruota della fortuna perché passata a Rete 4, era necessario ideare un nuovo programma per coprire la fascia precedente al telegiornale serale. Dopo il recente ritorno di Paolo Bonolis a Mediaset, si pensò di affidargli la conduzione di un programma ideato da Corima (ovvero Corrado), Marina Donato, Stefano Jurgens e Stefano Santucci con la collaborazione di Gian Carlo Antonini. La regia era di Stefano Vicario (Lorenzo Lorenzini per la seconda edizione e nell'edizione estiva); come valletta fu chiamata Ela Weber (da Bonolis soprannominata La Sellerona) e al piano il maestro Luca Laurenti, seguiti da un corpo di ballo e da quattro cantanti coordinati da Marco Garofalo (soprannominate Sellerette). La scenografia di Stefania Conti era realizzata in modo da ispirarsi al film disney "Toy Story".[senza fonte] L'edizione estiva di Tira e Molla fu condotta da una nuova coppia che era composta da Giampiero Ingrassia, figlio del noto attore Ciccio Ingrassia. e da Luisa Corna. Il programma, dopo la versione estiva, proseguì anche nell'autunno, spostandosi però alle 11.30 del mattino con la conduzione di Giampiero Ingrassia ed Elisabetta Pellini, ma i bassi ascolti ne determinarono la chiusura nel mese di novembre 1998. È invece dell'aprile 2009 la notizia della registrazione di alcune "puntate zero" del programma condotte da Enrico Brignano e Michela Coppa, che potrebbero portare a un'eventuale nuova edizione del programma ma attualmente non sono mai andate in onda.[1]

Dal 5 giugno 2012 viene riproposta in replica la seconda edizione su Mediaset Italia 2.

  Il gioco

Ad ogni puntata partecipavano due coppie di persone, quasi sempre uomo e donna legati in genere da un vincolo familiare (solitamente mariti e mogli), e lo scopo del gioco era ottenere più soldi possibili per diventare campioni e tornare il giorno seguente.

Erano quattro le prove in cui si articolava il gioco:

  • 1. Sì o no iniziale: per ogni domanda posta dal conduttore le coppie rispondono solamente "sì" o "no" tramite i pulsanti posti di fronte a loro, e nel caso le due risposte della stessa coppia discordassero, bisogna accordarsi per una sola. Le domande erano cinque in tutto, ed avevano un valore di 200.000 lire.
  • 2. Tira e molla fotografico: consiste nell'indovinare il personaggio celato dietro un puzzle composto da 10 caselle (BUM, CLAP, TIN TIN, SOB SOB, DIN DON, TIC TAC, BANG, GASP, GULP, DRIIN); per scoprire ogni casella, si doveva rispondere in modo esatto alle domande del conduttore ove oltre a scoprire la casella la coppia guadagnava 200.000 lire altrimenti le caselle del puzzle in caso di errore annerivano rendendo più difficile l'indovino del personaggio che se indovinato faceva vincere 1.000.000 lire alla coppia. Alla fine prima dello scadere del tempo per rendere più facile l'indovino del personaggio viene fatta una domanda a duello ove la coppia vincitrice guadagnava 400.000 lire e la possibilità di scoprire due caselle a piacere.

La coppia ha due tentativi per rispondere dell'identità del personaggio.

  • 3. Tira e molla musicale: lo scopo di questo gioco è conquistare le 7 note musicali + il Do jolly che se uscito faceva guadagnare alla coppia 500.000 lire, rispondendo in modo esatto a 7 domande. Il gioco inizia con la canzone confusa ove le coriste dicevano le parole del testo di una canzone in maniera random e la coppia doveva indovinare la canzone vincendo 500.000 lire e la possibilità di tirare per primi il dado scegliendo una nota a piacere oppure il gioco del mimo che aveva un'unica particolarità: le parole mimate iniziano tutte con le note musicali. La scelta delle note avviene attraverso un dado che cade da un alto scivolo ove se la nota è già a disposizione della coppia fa passare il gioco automaticamente agli avversari. Nel caso in cui i concorrenti non rispondano in modo esatto, il gioco passa ai telespettatori, che potevano vincere 500.000 lire. In queste occasioni Bonolis passava anche molti minuti di programma a far indovinare tramite vari aiutini; anzi proprio in questi momenti si raggiungeva un climax del programma, soprattutto se il telespettatore in questione era particolarmente poco sveglio, facendo disperare il conduttore e sganasciare il pubblico. Questo sketch tra il voluto e l'improvvisato delle spiegazioni di Paolo (spesso dotte e sibilline) che cercano di aiutare un ignorantone a indovinare è entrato poi tra i classici della coppia Bonolis-Laurenti, riproposto in numerose trasmissioni successive del duo.

Il Tira e Molla musicale si concludeva con il gioco del motivo misterioso ove la coppia che prenotava prima e indovinava il motivo misterioso accedeva al gioco finale diventando campione. Il valore di questo gioco variava a seconda dei tentativi che erano i seguenti:

- 4.000.000 di lire al primo tentativo senza parole nel testo;

- 3.000.000 di lire al secondo tentativo con aggiunta di sillabe al testo della canzone;

- 2.500.000 lire al terzo tentativo con aggiunta di parole del testo;

- 2.000.000 di lire al quarto e successivi tentativi.

Inoltre, la coppia può tentare a seconda del numero di risposte esatte date durante il Tira e molla musicale all'indovino del motivo misterioso.

  • 4. Sì o no finale: in questo gioco le due coppie, rappresentate da un solo componente, si giocano soldi e premi ove la coppia perdente parte col montepremi base di 1.000.000 di lire, mentre la coppia campione con tutto il montepremi accumulato nelle manches precedenti. Il gioco consiste nel dire SI o NO ad alcune proposte fatte dal conduttore, senza però sentirle. È identico dal gioco finale del quiz Sì o no?.

  La sigla

La sigla iniziale, il cui testo è stato scritto da Corìma, Jurgens e Giorgio Calabrese, era cantata nelle prime due edizioni da Luca Laurenti e dalle sellerette (solo nel periodo natalizio la cantava anche con i bambini travestiti da Babbo Natale) e nelle ultime due dai Sei come Sei. La strofa della sigla tv che dice "il gioco è che per follia, non sempre il re con il tesoro va via" allude al gioco del si o no finale, infatti non è detto che la coppia campione (il re) si porti via i premi migliori (il tesoro), tantissime volte è capitato che all'ultima proposta i campioni abbiano ceduto l'intero montepremi in denaro, o i premi alla coppia perdente. La melodia della sigla di Tira e Molla sembra evocare i temi musicali presenti nella sigla de Il pranzo è servito: forse è un effetto nostalgia voluto dallo stesso Corrado.

  Corpo di ballo 1a edizione: Le sellerette

  Corpo di ballo 2a edizione

  Coriste

  Corpo di ballo edizione estiva: Le singilline

  Corpo di ballo 3a edizione: Le singilline

  Momenti comici

  • I giudici di gara, Jurgens e Santucci, venivano introdotti dalla musica del Muppet Show, anche perché, appollaiati sulla loro tribuna, ricordavano i due vecchietti di quella trasmissione, che commentavano gli sketch dei Muppets da una loggia del teatro dove si svolgeva. Mentre Santucci faceva la parte di quello "serio" Jurgens era solito interrompere il gioco per lanciare delle freddure che letteralmente gelavano il pubblico.
  • Di tanto in tanto Luca Laurenti interrompeva il ritmo della trasmissione lanciandosi in alcuni discorsi strampalati, senza capo né coda, di cui era ben difficile capire il senso - e che ovviamente Bonolis tentava di rendere ancora più incomprensibili; dopo qualche minuto, la regia lanciava il brano Te c'hanno mai mandato a quel paese di Alberto Sordi, il cui ritornello veniva intonato da tutto il pubblico.
  • Ad un certo punto, la trasmissione ha "adottato" un cane randagio, che gironzolava negli studi, che in seguito è comparso in tutte le puntate.
  • Una volta, appena terminato balletto iniziale, durante l'ingresso in studio di Bonolis, un uovo di cartone si staccò dalla scenografia centrando in testa una ballerina, fortunatamente senza conseguenze, se non quello dell'ilarità collettiva. Tale scena non venne tagliata.
  • Di questo programma sono ancora famose le numerose telefonate dei concorrenti da casa che venivano fatte in studio a Bonolis, per vincere del denaro provando a rispondere ad alcune domande.

  Le telefonate da casa

Avendo spesso assunto connotazioni comiche, arrivando quasi al paradossale, per molte persone erano il punto di forza del programma. Ancora oggi sorgono dei dubbi sull'autenticità di quelle telefonate (anche se in quegli anni gli scandali sui concorrenti "taroccati" non erano ancora esplosi), o sul fatto che venissero volutamente scelti concorrenti che, in un modo o nell'altro, fossero più portati a creare queste situazioni estreme.

Infatti, nei primi tempi della trasmissione, le telefonate da casa erano molto più brevi e, nel caso di risposta sbagliata, Bonolis passava immediatamente al concorrente successivo; col tempo, invece, i suoi tentativi di far indovinare a tutti i costi le risposte ai telespettatori divennero molto simili ai suoi sketch con Luca Laurenti (dei quali, invece, è praticamente certo il fatto che fossero pre-costruiti) e, molti anni dopo, quelli con i concorrenti di Affari Tuoi, e pur durando diversi minuti, si incastravano perfettamente nei tempi della trasmissione, poiché il gioco musicale era a tempo e non a punti.

Quando Paolo riceveva una risposta sbagliata dal concorrente in studio, spesso sbuffava, già consapevole della faticaccia che lo avrebbe atteso, in particolare quando doveva far indovinare una frase nel gioco sciopero delle vocali (ovvero bisognava indovinare una frase recitata con un'unica vocale), non era raro che lanciasse la cartellina o si levasse la giacca prima ancora di iniziare la telefonata.

  La telefonata Capone

Il caso più eclatante è senza dubbio quello dei fratelli Antonio e Francesco Capone di Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta in cui questi ultimi dovevano indovinare il cognome dell'autore di "Modo per Imparare a Sonare di Tromba", ovvero Girolamo Fantini (chiamato per errore "Giuliano" da Paolo Bonolis). Bonolis, nel tentativo di far pronunciare ai Capone la parola "fantino" per poi far sì che la volgessero al plurale, chiese loro chi solitamente è sopra il cavallo. Le risposte surreali dei due fratelli scatenarono l'ilarità del pubblico presente in studio e del conduttore stesso. Questa telefonata è rimasta nella storia, ed è considerata da molti la quintessenza delle telefonate assurde nei programmi televisivi italiani. Inoltre, su Internet, è possibile ritrovare quasi ovunque il video (riproposto tra l'altro dal talk show Matrix). Questa telefonata è stata realizzata durante la puntata andata in onda il 1º aprile 1998, data in cui diventa lecito qualunque tipo di scherzo, ma anche se la telefonata fosse stato uno sketch già preparato, di fatto è diventato il momento più divertente e assurdo della breve storia di questa trasmissione, tanto da venir riproposta dallo stesso Bonolis nell'ultima puntata.

  Note

  1. ^ Registrate due puntate zero del programma

  Bibliografia

  • Joseph Baroni. Dizionario della Televisione. Raffaello Cortina Editore. ISBN 88-7078-972-1.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione
   
               

 

Toutes les traductions de tira e molla


Contenu de sensagent

  • définitions
  • synonymes
  • antonymes
  • encyclopédie

  • definizione
  • sinonimo

Dictionnaire et traducteur pour mobile

⇨ Nouveau : sensagent est maintenant disponible sur votre mobile

   Publicité ▼

sensagent's office

Raccourcis et gadgets. Gratuit.

* Raccourci Windows : sensagent.

* Widget Vista : sensagent.

dictionnaire et traducteur pour sites web

Alexandria

Une fenêtre (pop-into) d'information (contenu principal de Sensagent) est invoquée un double-clic sur n'importe quel mot de votre page web. LA fenêtre fournit des explications et des traductions contextuelles, c'est-à-dire sans obliger votre visiteur à quitter votre page web !

Essayer ici, télécharger le code;

SensagentBox

Avec la boîte de recherches Sensagent, les visiteurs de votre site peuvent également accéder à une information de référence pertinente parmi plus de 5 millions de pages web indexées sur Sensagent.com. Vous pouvez Choisir la taille qui convient le mieux à votre site et adapter la charte graphique.

Solution commerce électronique

Augmenter le contenu de votre site

Ajouter de nouveaux contenus Add à votre site depuis Sensagent par XML.

Parcourir les produits et les annonces

Obtenir des informations en XML pour filtrer le meilleur contenu.

Indexer des images et définir des méta-données

Fixer la signification de chaque méta-donnée (multilingue).


Renseignements suite à un email de description de votre projet.

Jeux de lettres

Les jeux de lettre français sont :
○   Anagrammes
○   jokers, mots-croisés
○   Lettris
○   Boggle.

Lettris

Lettris est un jeu de lettres gravitationnelles proche de Tetris. Chaque lettre qui apparaît descend ; il faut placer les lettres de telle manière que des mots se forment (gauche, droit, haut et bas) et que de la place soit libérée.

boggle

Il s'agit en 3 minutes de trouver le plus grand nombre de mots possibles de trois lettres et plus dans une grille de 16 lettres. Il est aussi possible de jouer avec la grille de 25 cases. Les lettres doivent être adjacentes et les mots les plus longs sont les meilleurs. Participer au concours et enregistrer votre nom dans la liste de meilleurs joueurs ! Jouer

Dictionnaire de la langue française
Principales Références

La plupart des définitions du français sont proposées par SenseGates et comportent un approfondissement avec Littré et plusieurs auteurs techniques spécialisés.
Le dictionnaire des synonymes est surtout dérivé du dictionnaire intégral (TID).
L'encyclopédie française bénéficie de la licence Wikipedia (GNU).

Copyright

Les jeux de lettres anagramme, mot-croisé, joker, Lettris et Boggle sont proposés par Memodata.
Le service web Alexandria est motorisé par Memodata pour faciliter les recherches sur Ebay.
La SensagentBox est offerte par sensAgent.

Traduction

Changer la langue cible pour obtenir des traductions.
Astuce: parcourir les champs sémantiques du dictionnaire analogique en plusieurs langues pour mieux apprendre avec sensagent.

Dernières recherches dans le dictionnaire :

2740 visiteurs en ligne

calculé en 0,047s

   Publicité ▼

Je voudrais signaler :
section :
une faute d'orthographe ou de grammaire
un contenu abusif (raciste, pornographique, diffamatoire)
une violation de copyright
une erreur
un manque
autre
merci de préciser :

Mon compte

connexion

inscription

   Publicité ▼